Tessuti in cashmere: cosa bisogna sapere?


Varie /

Se sei un amante della moda e del lusso, avrai familiarità con il cashmere. A causa della sua consistenza morbida, il cashmere è molto popolare. Proviene dal pelo delle capre della regione del Kashmir (Cina, India, Pakistan e Mongolia). Se vuoi saperne di più sulle origini del cashmere, puoi leggere questo articolo.

Produzione di cachemire

Il cashmere proviene dalle capre della regione del Kashmir, ma si trova solo su questi animali durante l'inverno. Infatti, per proteggere l'animale dal freddo, un pelo sembra rinforzare il mantello di queste capre. Per altre notizie sul cashmere, potete cliccare sul link. Dopo la stagione fredda, questo pelo viene pettinato o tagliato dal petto della capra. Poi vengono sbiancati e tinti in qualsiasi colore desiderato. Questi tessuti possono essere lasciati in diversi tipi prima di andare all'industria. Quindi abbiamo la fibra grezza della capra che non è stata lavorata. La fibra trattata che viene lavorata e disponibile per la lavorazione. Fibra vergine, che viene lavorata e direttamente utilizzabile. Infine, abbiamo la fibra riciclata che è già in uso, ma si sta lavorando per renderla riutilizzabile.

Produttori di cashmere

I produttori della regione del Kashmir forniscono il 90% dei tessuti di cashmere del mondo. La Cina e la Mongolia sono i maggiori produttori. Una capra produce in media 150 g di cashmere all'anno. Quando i capelli sono spogliati del grasso e delle parti indesiderate, la quantità di cashmere ottenuta non è molta. Questo cashmere è quindi venduto agli industriali per fare il maglione, i guanti, i cappelli e tutti gli altri vestiti che conoscete. Diverse case di moda hanno fatto dei capi in cashmere i loro unici marchi.